Lunedì la BoJ ha nominato la sua prima direttrice esecutiva donna in 138 anni

L'istituto finanziario giapponese ha visto una serie di cambiamenti radicali durante un rimpasto di personale lunedì, con la nomina del suo primo dirigente donna all'interno dell'istituzione dominata dagli uomini. 'Tokiko Shimizu', che potrebbe essere una banchiere centrale in carriera di 55 anni, è diventata la donna principale a ricoprire uno dei sei incarichi esecutivi della Banca del Giappone nelle nomine governative annunciate lunedì.
La sua nomina alla carica di burocrate più importante della BOJ è probabilmente parte dello sforzo della banca centrale per diversificare la sua gestione. Solo una donna presta servizio nel consiglio di amministrazione di 9 membri della BOJ che prende le decisioni politiche chiave. Takako Masai è uno degli ex banchieri commerciali.
Solo il 13% dei posti dirigenziali senior della BOJ sono occupati da donne.

prima femmina
Secondo i dati BOJ, mentre il 47% di tutto il personale BOJ sono donne, il rapporto scende al 20% per le posizioni di carriera e di esperto. prima donna La carriera di Shimizu, attualmente direttrice della filiale della BOJ nella città centrale di Nagoya, nel Giappone, comprendeva periodi presso le divisioni del mercato finanziario, bancario e degli affari mondiali della banca.
La BOJ lo ha scelto lunedì per aumentare le responsabilità del suo esecutivo Shinichi Uchida che ha supervisionato gli affari mondiali, per incorporare la politica monetaria.



Leggi anche: - Il FMI dice che i dati economici in arrivo sono peggiori del previsto, la crisi non scomparirà presto