La Cina invia gli ispettori per reprimere gli sprechi di energia rinnovabile

Funzionari cinesi hanno inviato ispettori in tutto il paese come parte di un rinnovato sforzo per evitare lo spreco di energia eolica e solare.

Gli ispettori stanno anche monitorando il lancio delle nuove politiche solari del paese, che sono un trampolino di lancio verso le rinnovabili veramente senza sovvenzioni dal paese. Un mix di fattori, da un'offerta inadeguata e necessità a una capacità di rete inadeguata, potrebbe portare a ciò che l'industria descrive come riduzione.

Essenzialmente equivale a smettere di generare impianti di energia rinnovabile fino a quando quell'energia non sarà nuovamente necessaria o non ci sarà un posto dove andare. Molte aziende, compresi i produttori di pannelli solari e altri attrezzi, integrano le loro entrate sviluppando progetti.



Tuttavia, con tassi di riduzione comunemente a doppia cifra, anche quelli e gli sviluppatori pure-play vedono i loro profitti ridotti. Ciò avrebbe potuto essere sostenibile nei giorni di generosi sussidi, ma il nuovo meccanismo di servizio richiede che i lavori funzionino con un costo per unità di elettricità vicino alla quantità di carbone. Gli aspiranti sviluppatori hanno preso parte a un'asta inversa facendo un'offerta per un premio superiore al costo di riferimento regionale per l'energia. I margini sono ora più sottili.



Tra i dieci maggiori vincitori c'erano il più grande produttore di pannelli al mondo Jinko Solar e anche il secondo produttore di inverter Sun cresciuto.



Gli ispettori finiranno probabilmente per trascorrere molto del loro tempo nei deserti settentrionali della Cina, dove la riduzione è stata in precedenza una lotta.

All'inizio del 2017, gli sportelli della National Energy Administration hanno riportato prezzi di riduzione del 39% nella provincia dello Xinjiang e del 19% nella provincia del Gansu. L'ultima cifra per lo Xinjiang, rilasciata una settimana, è del 10,6%, segno che la copertura dell'arresto di nuove abilità e del rafforzamento della rete sta avendo un impatto. All'inizio del 2019 la State Grid Corporation ha annunciato piani per cinque nuovi impianti di stoccaggio di energia idroelettrica pompata come parte di uno sforzo per affrontare la sfida della riduzione.