La tensione geopolitica tra India e Cina è importante per il sentiment del mercato

Il presidente cinese Xi Jinping, a sinistra, e il primo ministro indiano Narendra Modi partecipano alla sessione di foto di gruppo al vertice BRICS 2017 a Xiamen, provincia del Fujian in Cina, lunedì 4 settembre 2017 (Kenzaburo Fukuhara / Pool Photo via AP)

Lunedì il Moody's Investors Service ha previsto che l'economia indiana si ridurrà del 3,1% nel 2020 e ha inoltre affermato che la tensione India-Cina al confine aumenterà i rischi geopolitici nella regione asiatica, dove i paesi sono particolarmente esposti ai cambiamenti delle dinamiche geopolitiche.
Inoltre, durante le sessioni di negoziazione si può osservare una volatilità molto elevata nel mercato azionario a causa delle tensioni transfrontaliere.
Gli Stati Uniti e la Cina sono i due maggiori partner commerciali dell'India. Le esportazioni di prodotti indiani negli Stati Uniti sono superiori alle importazioni effettuate dal paese, tuttavia, lo stesso non vale per la Cina. E quindi, le ripercussioni della tensione in corso tra i due saranno gravi negli affari della Cina.
Per il periodo di tempo tra aprile 2019 e febbraio 2020, le importazioni totali dell'India dalla Cina hanno rappresentato l'11,8%. mentre le esportazioni totali dell'India verso il paese erano solo del 3%. Ciò indica che gli indiani comprano di più dalla Cina di quanto vendano. Questo deficit commerciale tra India e Cina è il principale contributo al deficit commerciale complessivo dell'India e anche uno dei maggiori deficit commerciali del mondo tra i due paesi.

tensione
A febbraio il disavanzo commerciale tra India e Cina si è attestato a $ 3,3 miliardi, un aumento del 13% rispetto all'anno precedente durante lo stesso periodo. Il deficit commerciale complessivo dell'India è rimasto invariato rispetto a un anno fa a $ 9,8 miliardi.
Tuttavia, gli scambi da entrambe le parti sono diminuiti drasticamente negli ultimi due mesi a causa della tensione pandemica di coronavirus in corso e della disputa sul confine tra i due paesi.
Martedì, la Confederation of All India Traders (CAIT) ha pubblicato l'elenco delle 500 categorie di merci importate dalla Cina che potrebbero essere scambiate con le merci prodotte in India. Il CAIT vuole ridurre le importazioni effettuate dalla Cina da $ 70 miliardi nel 2018-19 a $ 13 miliardi entro la fine di dicembre 2021, sostituendo un elenco di prodotti importati dalla Cina con merci autoctone.



Leggi anche: Le spese in conto capitale del settore privato non tornano in fretta: utile netto di L&T Q4 in calo del 6%; tutto quello che devi sapere