Le raffinerie di petrolio indiane sono passate al low cost non raffinato, ora il recupero sembra un po 'lontano dal mercato petrolifero colpito dal virus

Il mercato petrolifero indiano è in ritardo rispetto agli altri raffinatori asiatici in caso di ripresa dall'epidemia di COVID-19 causata. Sia le importazioni di greggio che le raffinerie funzionano per il mese di maggio a livelli inferiori alla media poiché il paese rimane bloccato. Il paese ha importato 4,1-4,2 milioni di barili al giorno in quanto prevede una ripresa nel secondo trimestre di quest'anno finanziario.
Confrontando gli arrivi di greggio nei primi quattro centri di raffinazione dell'Asia stabiliti in Cina, India, Corea del Sud e Giappone, hanno raggiunto i loro livelli massimi storici di 21,8 milioni di barili al giorno, sostenuti da afflussi record in Cina e Corea del Sud. Gli arrivi record in questi due paesi sono dovuti a tempi opportuni in quanto la ripresa dal COVID-19 è avvenuta più o meno nello stesso periodo in cui i prezzi del petrolio sono crollati inizialmente e quando OPEC e Russia hanno inondato il mercato di petrolio con una domanda trascurabile e hanno combattuto per la quota di mercato.
Per l'India, il tempismo non era a suo favore, poiché quando è scoppiata la guerra dei prezzi, l'India stava assistendo al peggiore del coronavirus. I suoi raffinatori sia di imprese statali che di imprese private furono i primi a offrirsi volontari per barili extra che i membri mediorientali dell'OPEC stavano offrendo. Ciò ha portato a importazioni quasi sempre elevate per ciascuno dei tre mesi.
Quando il COVID-19 è esploso nel paese e l'arresto è stato annunciato, con la riduzione di tutti i trasporti, nonché delle attività economiche e industriali. La domanda di materie prime essenziali aumenta riducendo la domanda di prodotti raffinati, come diesel, petrolio, benzina e carburante per aerei, poiché i margini di raffinazione in tutto il mondo vengono ridotti.

olio
La produzione di raffineria, che era al 90% da gennaio a marzo, è scesa al minimo record del 71,4% per aprile. Solo circa un terzo del fabbisogno del paese di 5 milioni di barili al giorno di capacità ha ridotto la produzione tagliando le corse di circa 1,4 milioni di barili al giorno.
Per superare l'improvvisa eccedenza di produzione di greggio, il governo indiano ha deciso di spostare i barili in più nelle sue riserve strategiche di petrolio con la sua intera capacità di 36,87 milioni di barili. Il ministro del petrolio ha affermato che l'India non vede l'ora di immagazzinare un po 'di petrolio statunitense a basso prezzo in strutture interne che tendono ad occupare lo stoccaggio.
Mentre alcune parti del paese escono dal blocco, la domanda di greggio e raffinerie dovrebbe aumentare a giugno, ma la piena ripresa sembra ancora lontana.



Leggi anche: - Kia Seltos lanciata con nuove funzionalità: la rivale Creta ottiene il tetto apribile e altro nelle varianti inferiori