L'industria dei giornali ha perso ₹ 4,500 e potrebbe perdere ₹ 15,000Crore in più senza l'aiuto del governo

L'Indian Newspaper Society ha esortato il governo a fornire un forte pacchetto di stimoli all'industria dei giornali che, a suo avviso, ha perso circa 4.500 crore di Rs e probabilmente subirà ulteriori perdite fino a 15.000 crore di Rs tra sei e sette mesi se il sollievo è non fornito. In una lettera al Segretario per l'informazione e la radiodiffusione, l'INS ha affermato che l'industria dei giornali è tra le più colpite in India, con pochissime entrate provenienti dalla pubblicità o dalla circolazione, a causa del blocco nazionale dovuto allo scoppio del coronavirus.



L'industria dei giornali ha già perso 4500 crore di Rs negli ultimi due mesi. Poiché l'attività economica è quasi crollata e non c'è pubblicità da parte del settore privato, ciò implica una perdita aggiuntiva di Rs 12.000 - 15.000 crore nei prossimi 6-7 mesi a meno che non venga attuato un forte stimolo dal governo al più presto con il quale il lettera firmata dal presidente dell'INS Shailesh Gupta. L'INS ha anche sollecitato il governo a ritirare circa il 5% dei dazi doganali sulla carta da giornale. Le perdite già subite hanno avuto ripercussioni molto gravi per i 30 lakh lavoratori che sono direttamente e indirettamente coinvolti nell'industria dei giornali, ovvero giornalisti, tipografi, venditori di consegne e molti altri, ha detto INS, che rappresenta oltre 800 giornali.

Secondo le stime dell'INS, i giornali forniscono occupazione diretta e indiretta a quasi 9-10 lakh persone e oltre 18-20 lakh persone rispettivamente. Si legge nella lettera del 20 aprile: 'Nelle ultime settimane, a causa delle suddette gravi perdite e soffocamento dei flussi di cassa, le testate giornalistiche stanno trovando molto difficile persino sborsare gli stipendi ai dipendenti e i pagamenti ai loro fornitori'. Nelle nostre varie comunicazioni, abbiamo richiesto il ritiro del dazio doganale del cinque per cento sulla carta da giornale non avrà alcun impatto sui produttori nazionali o sugli sforzi di 'Make in India' '. L'INS ha anche esortato il governo a concedere due anni di esenzione fiscale per le testate giornalistiche, oltre a un aumento del 50% del tasso di pubblicità del Bureau of Outreach and Communication e un aumento del 100% del budget per la stampa. È richiesto il pagamento immediato di tutte le fatture pubblicitarie in sospeso da BOC come vari governi statali.

Leggi anche: Mukesh Ambani rinuncerà al suo intero compenso, mentre i dirigenti senior avranno tagli salariali del 30-50%