Il pacchetto di stimolo del crore di Rs 21lakh del premier Narendra Modi ha attirato più critiche, questa volta dal gestore patrimoniale globale

P.M. Il pacchetto di stimoli per crore di Rs 21 lakh di Narendra Modi ha attirato più critiche, questa volta dal gestore patrimoniale globale, Credit Suisse. Il Credit Suisse Wealth Management ha dichiarato che il pacchetto di stimolo del governo manca di un importante sostegno a breve termine per l'economia e potrebbe non essere adeguato per ripristinare la traiettoria di crescita dell'India, ha riferito l'agenzia di stampa PTI. Il pacchetto di stimoli annunciato dal primo ministro Modi il 12 maggio è stato ulteriormente elaborato dal ministro delle finanze 'Nirmala Sitharaman' in cinque tranche, dove ha delineato il pacchetto che è stato ritagliato per aiutare l'economia indiana a battere il crollo causato dalla situazione pandemica del coronavirus .
Jitendra Gohil, Head of the Credit Suisse Wealth Management that is India Equity Research, ha dichiarato nel rapporto: 'La risposta dell'India alla crisi del COVID-19 manca di un sostegno fiscale a breve termine importante o innovativo e non riesce a fornire l'impulso tanto necessario per stimolare la crescita e dare il via alla crescita economica ”. Narendra Modi Credit Suisse ha detto che la spesa fiscale effettiva che il governo indiano farà è di circa 2 lakh crore, che si traduce in appena l'1% del prodotto interno lordo, indicando che il governo sta prendendo la cautela fiscale per affrontare la situazione pandemica. Il pacchetto di stimoli dell'India include le misure monetarie adottate dalla Reserve Bank of India.

Narendra Modi
Le società di ricerca e rating si aspettano già un forte calo della crescita del PIL indiano a causa del blocco che ha tenuto gli indiani al chiuso dall'ultima settimana di marzo. 'Senza una crescita del PIL nominale, il già elevato rapporto debito / PIL dell'India (che dovrebbe superare l'80% nell'attuale fiscalità) - un parametro chiave per le agenzie di rating potrebbe aumentare ulteriormente e raggiungere livelli che potrebbero essere fonte di preoccupazione per il rating del credito indiano' come ha detto Gohil. Il primo ministro Narendra Modi e il suo governo hanno preso il tempo della crisi del coronavirus e stanno cercando di trasformare la crisi in un'opportunità, mirando a riforme strutturali, molte delle quali facevano parte del pacchetto di stimoli annunciato la scorsa settimana.
Se la crescita non si riprenderà entro il prossimo numero di trimestri, i macro-fondamentali del paese potrebbero essere a rischio di un significativo deterioramento, ha detto Gohil. Il Credit Suisse rimane difensivo sulle azioni indiane con una preferenza per i settori legati all'agricoltura, alle telecomunicazioni, alla tecnologia dell'informazione e ad alcuni titoli di consumo e di utilità da una prospettiva di tre sei mesi. Gohil ha affermato che i mercati azionari indiani potrebbero subire un deterioramento del sentiment degli investitori. Si aspetta che i flussi degli investitori di portafoglio esteri (FPI) e degli investitori nazionali possano eventualmente diminuire nel breve termine a causa delle prospettive di livelli di reddito e profitti aziendali ridotti.



Leggi anche: - HUL dice che non licenziano o tagliano gli stipendi dei loro dipendenti fin d'ora a causa del Covid-19