Tata Motors ha dichiarato uno slittamento del primo trimestre dell'82% nelle vendite

Le vendite nazionali di veicoli di Tata Motors Limited sono scese dell'82% a 23.845 unità per il trimestre terminato a giugno. L'anno precedente, aveva registrato 1,31,879 vendite nello stesso periodo. Le distruzioni economiche e gli ostacoli dovuti al coronavirus causati dalla malattia di covid-19 sono stati la ragione di questo drastico calo delle vendite. Le vendite interne di Tata Motors nel primo trimestre dell'anno finanziario 2020 sono state pari a 131.879 unità. L'azienda è ora passata a dichiarare le sue vendite trimestrali da aprile.

Questo calo arriva dopo una riduzione della produzione di passeggeri e veicoli commerciali per quanto riguarda la pandemia. Il business dei veicoli commerciali di Tata è diminuito del 90% su base annua a causa dello stesso. È sceso a 10.476 unità con il blocco che ha ridotto la domanda di nuovi camion e autobus. Il presidente della divisione veicoli commerciali di Tata Motors, Girish Wagh, ha dichiarato in una dichiarazione che la vendita al dettaglio è rimasta indietro del 67% rispetto alla vendita all'ingrosso. Tutte le unità di produzione hanno avviato le operazioni di rilancio dopo l'eliminazione delle restrizioni e spera di migliorare gradualmente le classifiche.



Tata Motors



Mercoledì, ha riportato un calo dell'81,78% delle sue vendite totali. Si sono attestati a 25.047 unità nel trimestre terminato il 30 giugno.2020 contro 1,37.545 unità nello stesso periodo dell'anno precedente. Le vendite di veicoli commerciali sono crollate del 90% da 1.0.357 nel 2019 a 10.476 nel 2020. La vendita di veicoli per passeggeri è scesa a 14.571 unità quest'anno dalle 36.945 unità dello scorso anno, con un calo del 61%. Fino a giugno 30,2020 il maggiore automobilistico ha segnalato contanti ed equivalenti di cassa di quasi Rs. 5.000 crore.

Leggi anche: Le vendite di Chyawanprash aumentano di 4 volte a causa del coronavirus, dice, dabur; punti chiave dai risultati del quarto trimestre